23 aprile 2010

Cavatelli con peperoni cruschi e mollica

I peperoni cruschi (in dialetto lucano puparul cusch con qualche piccola variazione a seconda del territorio) sono uno dei prodotti tipici più rappresentativi della Basilicata, sono una specialità e un vanto della cucina lucana. Questi peperoni, appena raccolti, vengono disposti l’uno vicino all’altro a formare le caratteristiche collane, dette “serte”, grazie a un filo di spago che li tiene uniti dal picciolo. Si utilizzano peperoni lunghi che vengono fatti essiccare al sole appesi per circa un mese a pertiche, ringhiere, all’ombra dei balconi o fuori le cantine (la seguente immagine è stata presa dal sito Basilicata info).



La zona di maggiore produzione è situata ai piedi del Parco Nazionale del Pollino, i più pregiati sono quelli di Senise ma c’è da dire che non c’è paese che ad agosto non si colori di rosso. Dopo la completa essiccazione si friggono in olio extravergine di oliva diventando croccanti e fragranti, cioè privi di tutta l’acqua che essi contengono (ecco perchè cruschi). Sono ideali per guarnire primi piatti, carni macinate, baccalà bollito, patate lesse; si trovano anche come accompagnamento nell'impasto di formaggi e salumi.

Quello che vi presento io è un primo piatto con peperoni cruschi e mollica fritta.

Ingredienti per 4 persone:

350 g pasta fresca (del formato che più vi piace, meglio però se strascinati)
40 g di peperoni cruschi
100 g di mollica di pane
olio extra vergine d’oliva
sale

Procedimento:

Lessare la pasta fresca in abbondante acqua salata. Nel frattempo ricoprire il fondo di una padella con un filo d’ olio e quando è ben caldo friggere i peperoni precedentemente puliti con un panno umido. Lasciare dorare per pochi secondi, poi scolare e disporre in un piatto. Saranno veri peperoni “cruschi” se rimarranno croccanti dopo la cottura.



In un altro pentolino mettere un filo d’olio con la mollica di pane sbriciolata grossolanamente, farla dorare e tenere da parte. Scolare la pasta, versarla nella padella contenente l’olio dei peperoni, aggiungere i peperoni cruschi e la mollica preparata prima. Mescolare in modo da condire bene la pasta e servire ben caldo.



Finire il piatto con abbondante cacioricotta grattugiato (io non l’ho messo perchè mi mancava) e servire.

Stampa

11 commenti:

  1. Li conosco!!!! La mia meravigliosa amica Lidia alias Lady Coccail suo blog :http://ilmondodiladycocca.blogspot.com/ me li ha regalati, mi ha anche regalato gli strascinati giganti ^_^ da condire con i paparul ^_^
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. wow che piatto super invitante!!! bravissima!!

    RispondiElimina
  3. Ma che meraviglia quei mazzi di peperoni!!! E meravigioso è anche questo primo piatto!! Bravissima!! bacioni.

    RispondiElimina
  4. ma quante cose imparo da voi!!! fantastici questi peperoni!!
    e deve essere buonissimo anche il primo, complimenti!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Che piatto squisito e saporito! Complimenti carissima. Baci

    RispondiElimina
  6. Che piatto ! E che bella foto di peperoni ! Buon fine settimana !!!

    RispondiElimina
  7. Un piatto gustosissimo, complimenti anche per la manualità con cui prepari i cavatelli...davvero bravissima!!!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo piatto ,i miei complimenti ,super brava,buon fine settimana.Ciao

    RispondiElimina
  9. che bel piatto! Non conosco questo tipo di peperone, è molto piccante?

    RispondiElimina
  10. @la belle auberge: i peperoni cruschi sono un prodotto IGP della Basilicata...si trovano anche quelli piccanti (dipende dal tipo di peperone che viene messo ad essiccare). Quelli che però vengono consumati usualmente sono dolci...la loro caratteristica che li contraddistingue di più è la croccantezza

    RispondiElimina
  11. Grazie mille per le informzioni. A presto
    eugenia

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails